Tutti gli articoli di roberto ricca

Matrimonio a Portofino

Destination wedding a Portofino

In trasferta con lo studio Gilberti – Ricca in Riviera

Fotografare un destination wedding a Portofino, il sogno di ogni wedding photographer. Una giornata fantastica, cominciata col brivido…. A 10 km da Portofino, in piena stagione estiva, la polizia locale blocca l’unica strada di accesso al paese e impedisce l’entrata … “Non ci sono più parcheggi” – dicono… Spiego agli agenti che eravamo lì per lavorare, ma loro niente… Mi guardo col mio collega in macchina, e ho la prontezza di riflessi di dire il nome della villa dove si preparava la sposa.. Questo nome apre magicamente le porte simboliche della città, poi una volta che entrerò in questa magnifica villa privata capirò perché…

 

Fotografo di moda a Brescia

Un servizio fashion per azienda moda a Brescia

Mi capita spesso di venire contattato da aziende del settore abbigliamento e fashion che stanno cercando un fotografo moda a Brescia per servizi relativi a Cataloghi, e-commerce, look book. E’ un settore che mi stimola e mi diverte perché si può svolgere sia in studio che in location. I tempi rispetto ad un evento o a un reportage sono completamente diversi: qui lo studio maniacale della luce acquista un’importanza fondamentale.

Come si svolge un servizio fotografico di moda in studio

In studio c’è il grosso vantaggio di poter gestire e controllare la luce con l’aiuto di potenti flash da studio o di pannelli led, modificatori di tutti i tipi (softbox, beauty dish, ombrelli, lampade fresnel…), gelatine colorate…

In questo caso per il brand Leani  abbiamo scattato presso il nostro studio Limen a Brescia, usando un grosso softbox circolare deep da 120 cm che grazie alle dimensioni permette una luce molto morbida sulla modella.

Scatto realizzato con un deep da 120 cm

Un’importanza fondamentale la assumono figure professionali come la stylist (che si occupa appunto dello stile, degli abbinamenti negli abiti e della scelta di accessori come gioielli, cappelli, scarpe) e la make up artist che si occupa di trucco e capelli. Volendo possono intervenire anche figure specializzate che si occupano del set design con al scelta ad esempio dei props (oggetti di scena).

In questo set ad esempio insieme al mio collega Andrea Gilberti abbiamo giocato con delle ombre proiettate sul muro per riempire i vuoti e per dare un elemento distintivo alla scena.

Ombre di rami sul muro dello studio
foglie proiettate sul muro

Possono sembrare figure secondarie che in caso di budget limitato si possono tagliare senza problemi: si tratterebbe di un errore grossolano. Per esperienza infatti posso dire che l’apporto della stylist si è rivelato molte volte fondamentale. E  un buon trucco (che per quello che mi riguarda deve essere poco appariscente)  è assolutamente fondamentale per la buona riuscita di un servizio fotografico.

Un fotografo di moda in location

Il servizio di moda in studio come abbiamo visto ha il grosso vantaggio di poter gestire la luce indipendentemente dalle condizioni meteo, e sappiamo quanto è importante la luce per un fotografo. Uno dei limiti principali è però il fatto che si è limitati dallo studio, inteso come spazio fisico. A seconda delle tasche possono esserci studi a noleggio che consentono diverse ambientazioni e mood (mi vengono in mente Cross Studio Studio Watt a Milano): l’effetto sarà però sempre quello di scatti commerciali, ricreati in un ambiente ad hoc. Ultimamente una delle tendenze maggiori nel mondo della fotografia è quella di foto candid come dicono gli anglosassoni, ossia spontanee, inserite in contesti naturali o urbani. D’altronde già Avedon portava le modelle dagli studi alle strade di New York e Los Angeles. Nel caso di scatti moda in esterna il limite è dato solo dalla fantasia.

Richard Avedon: Elise Daniels with street performers, Suit by Balenciaga, Le Marais, Paris, August

Ecco di seguito alcuni scatti del servizio fotografico moda in studio a Brescia

 

 

Fotografia aziendale: in tour con Segafredo – Zanetti

Un progetto per sostenere il mondo della ristorazione e dei bar

Il caffè Segafredo – Zanetti è uno dei più amati in Italia e nel mondo. Quando mi hanno contattato per un progetto itinerante che raccontasse il mondo Segafredo sono rimasto subito affascinato dalla cultura che c’è dietro un gesto per noi italiani irrinunciabile.

Brescia: le 5 cose da fare per un preventivo di servizio fotografico aziendale

Cosa chiedere in un preventivo di servizio fotografico aziendale

Scegliere un fotografo e relativo preventivo per un servizio aziendale è una fase che la maggior parte delle aziende si trova prima o poi ad affrontare. E’ fondamentale pianificare tutto con cura per evitare perdite di tempo e di denaro.

1) Selezionare il preventivo servizio fotografico aziendale e il professionista

E’ una fase strategica, al giorno d’oggi con la forza del web è possibile visualizzare decine di portfolio fotografici in poche ore e selezionare quei fotografi con uno stile più in linea con la filosofia aziendale, andando a scegliere il migliore preventivo per rapporto qualità/prezzo. E’ una fase che potete svolgere in autonomia o più spesso con l’ausilio di un’agenzia di comunicazione o di un consulente di comunicazione.

Avete bisogno di un fotografo attento ai dettagli, piuttosto che di uno molto bravo a cogliere i momenti spontanei della vita lavorativa? Tra le vostre priorità c’è quella di avere un fotografo bravo con le luci perché dovrà fare dei ritratti aziendali, piuttosto che delle foto di prodotto? Là fuori sicuramente c’è un professionista adatto a rispondere alle vostre esigenze.

Molto importante anche un confronto con il reparto commerciale aziendale (spesso sono loro che hanno il contatto diretto coi clienti) e con i vostri responsabili del sito web che vi daranno degli input importanti sui tagli necessari delle fotografie. Una volta individuata una rosa di 3-4 professionisti potete contattarli chiedendo un preventivo. In questa fase un po’ di cura ai dettagli è fondamentale: prendetevi il tempo per una chiacchierata informale per meglio spiegare al fotografo le caratteristiche dello shooting: servirà a entrambi per chiarirsi le idee e per capire se c’è sintonia professionale. Oppure la classica mail, cercate se possibile di personalizzarla, da evitare i copia e incolla.

2) Pianificare le aree da coprire col reportage fotografico

Come nel caso delle foto di questo servizio realizzato presso l’azienda Euroimpianti con la direzione creativa agenzia Akomi di Brescia (un team di persone davvero strepitose sia per skills tecniche che per doti umane, capitanate da Giordano Apostoli e Nicola Ghislanzoni) o di altri shooting aziendali da me svolti come quello per Segafredo-Zanetti, Louis Vuitton, Mazza o Busi Group è stato fondamentale decidere prima cosa fotografare e quando, realizzando una shooting list a 4 mani con il fotografo. Gli aspetti da fotografare in un’azienda sono molteplici. Ecco qualche idea:

  • prodotti (a seconda della tipologia si può decidere se fotografarli su fondo neutro o bianco o ambientati)
  • fasi di produzione (adatte per qualche foto di reportage spontanea)
  • ritratti ai titolari e top manager (valutare col fotografo la presenza di una make up artist)
  • foto dei vari team/reparti, in gruppo o al lavoro (per il sito, o ad es. un calendario aziendale)
  • foto profilo dei dipendenti (per Linkedin o posta aziendale)
  • foto aeree con il drone della sede (capannoni, pannelli solari..)
  • foto dei vari ambienti (sala riunioni, uffici, reception)
  • foto di eventuali mezzi aziendali
  • foto per e-commerce
  • suddivisione dei tempi e spazi con i videomaker in caso sia previsto un video

3) Gestire gli spazi, la sicurezza

E’ fondamentale la comunicazione interna in azienda in modo da massimizzare la produzione del fotografo: qualche giorno prima dello shooting tutti i reparti andranno avvisati in modo che possano prepararsi per tempo. Ecco alcune delle esigenze che possono presentarsi:

  • gestire col fotografo le cromie e gli abbinamenti nell’abbigliamento dei dipendenti
  • tutti gli spazi dovranno essere il più possibile in ordine e puliti
  • evitare loghi di aziende terze (fornitrici o clienti) o documenti commerciali riservati come preventivi
  • le scrivanie andranno organizzate al meglio
  • i dipendenti saranno preparati, alcuni vorranno prepararsi e andare dal parrucchiere il giorno prima 🙂
  • nel reparto produzione i lavoratori dovranno seguire tutti i dispositivi di sicurezza necessari dal punto di vista aziendale (mascherine, caschi, scarpe anti-infortunistiche…)

4) Le liberatorie fotografiche

E’ molto importante chiedere preventivamente ai dipendenti (per esperienza personale soprattutto nelle aziende grandi), se c’è qualche problema in caso si venga fotografati per scopi aziendali. La personalità di ogni persona è diversa e il rapporto che ognuno di noi ha con la propria immagine è un aspetto molto delicato. Si dovrà far firmare ad ognuno una liberatoria fotografica che autorizzi l’uso aziendale delle foto e la pubblicazione sul sito internet aziendale o sui canali social. E’ un aspetto fondamentale che spesso viene tralasciato, ma che può evitare molti fastidi all’azienda e in alcuni casi può evitare anche risarcimenti economici, soprattutto quando i dipendenti cambiano azienda e i rapporti si deteriorano.

5) Il giorno dello shooting

Ormai è tutto pronto, nei giorni precedenti si saranno consultate febbrilmente le previsioni meteo, soprattutto in caso di riprese aeree o in esterno. E’ molto importante che una persona dell’azienda segua fianco a fianco il fotografo. Possibilmente dovrà essere una persona informata degli obiettivi marketing e con una visione a 360° dei reparti aziendali, un’ottima conoscenza dei prodotti (e quindi dei plus da fotografare a da far risaltare) e delle fasi produttive.

 

Le foto di questo servizio sono dello shooting dell’azienda Euroimpianti, una realtà storica attiva nella produzione e commercializzazione di impianti di verniciatura industriali. La direzione creativa è dell’agenzia Akomi di Brescia

Contattami senza impegno per un preventivo per un servizio fotografico aziendale

    Foto ritratto a Brescia per il direttore d’orchestra V. Milletarì

    Un progetto fotografico di ritratto spontaneo e a lungo termine

    Il direttore d’orchestra Vincenzo Milletarì, nonostante la giovane età, è uno dei più quotati conductor a livello internazionale con esperienze con maestri del calibro di Riccardo Muti e Pier Giorgio Morandi. Il M° Milletarì con Brescia ha un legame storico, dopo aver studiato nel Conservatorio cittadino qui ha deciso di porre una delle sue basi tra una tournée internazionale e l’altra.

    Vincenzo mi contatta perché è alla ricerca non di un semplice shooting fotografico di ritratto, ma per un progetto fotografico di più ampio respiro e a lungo termine: un reportage che possa fornire materiale al proprio ufficio stampa, alla gestione dei social (è ormai segno dei tempi vedere come anche professioni che si potrebbero pensare lontane dal web, siano ormai attente alla comunicazione digitale sui social) e con un occhio attento alla stampa cartacea, di settore e con una strizzatina d’occhio al mondo del fashion & Life style

    Il primo approccio col Maestro Milletarì è in uno dei luoghi del cuore di Brescia (non a caso finito 3° nella recente classifica del Fai..): il Castello di Brescia. Da bresciano è sempre molto affascinante vedere cosa colpisce chi arriva da fuori del nostro territorio, una sensazione che mi accompagna fin da quando seguivo il marketing in Bresciatourism, l’agenzia per il turismo della Camera di Commercio bresciana.

    Quando senti parlare di Direttore d’orchestra la vulgata comune riporta l’immagine  di una persona rigida e austera. Vincenzo invece, accompagnato dal fido cane Tano è una persona estremamente sorridente e cordiale.

    Le foto in outdoor in castello saranno l’oggetto di un furo articolo del blog. Oggi vorrei mostravi le foto del secondo servizio in studio, presso il mio Limen Studio di Brescia, lo spazio dove lavoro con altri 4 professionisti dell’immagine.
    Lo stile di Vincenzo è molto ben definito e quindi anche i colori giocano un ruolo molto importante.
    Dopo un’ora circa di scatti con alcuni cambi outfit ci siamo spostati sulla terrazza dello studio per alcune immagini dallo stile un po’ più urbano.

    Contattami senza impegno per i tuoi ritratti

       

       

      Servizio fotografico per aziende a Brescia – Mazza

      Realizzare un servizio fotografico per un’azienda storica bresciana

      Essere un fotografo per aziende in una provincia ricca di imprenditori come Brescia ha anche i suoi lati curiosi. Per anni quando giravo per Brescia vedevo ai cantieri stradali che delimitano i numerosi lavori stradali pubblici, dei cavalletti bianco e rossi (quelli che delimitano la zona di scavo) con la scritta Mazza. Inizialmente non ci avevo fatto caso, ma poi la quantità di cantieri con questo nome mi aveva incuriosito e ricordo che mi dissi: “Devono essere davvero bravi per lavorare così tanto”

      Entra in gioco il servizio fotografico aziendale..

      Qualche anno dopo ricevo una chiamata da un’agenzia veronese, la Moodie Comunicazione, per occuparmi delle foto per il restyling della corporate identity proprio di Mazza, un’azienda con più di 50 anni di storia nel settore appunto dei lavori stradali e del teleriscaldamento, settore dove Brescia è stata pioniera.

      E’ stato davvero bello conoscere le persone che rendono così competitiva questa azienda: i vertici con la generazione del titolare e quella successiva dei figli, gli uffici commerciali, tecnico amministrativo e infine tutte le maestranze che ogni giorno all’alba raggiungono i cantieri in condizioni climatiche spesso impietose.

      A questo proposito è stato bello realizzare ad ognuno dei dipendenti e titolari dell’azienda un ritratto in bianco e nero, con una post produzione abbastanza dinamica studiata con Luca, l’art director di Moodie  Comunicazione… ma questo sarà materia di un prossimo post 🙂

      Contattami senza impegno per un preventivo riguardante il tuo servizio fotografico

        Fotografo per agenzia immobiliare Troncana

        Servizio fotografico per agenzia immobiliare

        Alessandra Troncana  guida insieme allo zio l’omonima agenzia immobiliare di Gussago.

        Grazie a dei contatti in comune mi contatta perchè ha l’esigenza di rinfrescare la propria immagine professionale su sito web e social con uno shooting fotografico.

        Il primo incontro conoscitivo in Limen Studio a Brescia è molto cordiale, qui comprendo meglio le esigenze comunicative di Alessandra e le tempistiche.

        Poi ci si mette il Covid – 19 a rallentare il tutto, ma a metà giugno, quando finalmente si torna ad una parvenza di normalità, organizziamo lo shooting nella suggestiva cornice architettonica dell’agenzia a Gussago: un moderno ufficio tutto vetrate, assolutamente da valorizzare nelle fotografie.

        Prima qualche scatto ambientato per sciogliere il ghiaccio, poi passiamo a delle scene lavorative che diano il sapore e l’idea di quella che è l’attività quotidiana di Alessandra. E infine qualche ritratto professionale.

        Come spesso mi capita nella mia attività di fotografo per aziende e per eventi, i clienti che mi contattano hanno un rapporto con l’essere fotografati piuttosto freddo, eufemismi a parte diciamo pure che la maggior parte di loro odia essere fotografato 🙂

        E’ compito di noi fotografi cercare di mettere a proprio agio la persona che si vuole ritrarre, trasmettere fiducia, dare dei feedback e soprattutto cercare di essere incisivi e rapidi.

        Il sito dell’agenzia Troncana www.troncana.it 

        www.linkedin.com/company/troncana-real-estate

        Servizio fotografico pasticceria Pastic

        Fotografie per pasticceria

        Ho avuto l’opportunità grazie all’agenzia Akomi di Brescia di poter fotografare e vedere un po’ di dietro le quinte nella preparazione dei prodotti alla pasticceria Pastic del maestro pasticciere Nicola Zanetti.

        Per un goloso come me entrare in un laboratorio dolciario come il Pastic e fotografarlo è un sogno che si avvera. Evidentemente non sono l’unico a pensarla così perché la cosa che mi ha colpito moltissimo è la quantità di clienti che nella mattina di lavoro che ho svolto presso il Pastic è entrata nel locale.

        Pastic è una pasticceria d’asporto a Verolavecchia. Il laboratorio artigianale è sempre all’opera: deliziosi mignon,  torte, biscotti, stuzzichini salati…

        Lo chef Nicola Zanetti, oltre a creme e macarones, ha negli anni allargato la propria offerta servendo anche prodotti salati e pranzi di lavoro. E da qualche tempo, grazie al supporto di Akomi, ha attivo anche il proprio e-commerce.

        Clicca qui per vedere tutta la gallery con le foto dello shooting alla pasticceria Pastic

        Ecco il link della pasticceria Pastic 

        Il link all’agenzia di comunicazione Akomi

        Servizio fotografico food in ristorante a Brescia

        Still life food in ristorante stellato

        Il cibo rimane uno dei soggetti più fotogenici, uno dei trend topic più caldi sui social. Per rinnovare il catalogo di prodotti dell’azienda alimentare di Brescia Mibon mi hanno chiamato a fotografare i loro piatti sottovuoto: cibo di qualità, già pronto e solo da “finalizzare”, una gran bella idea.

        Per l’occasione siamo stati negli ambienti di un ristorante stellato in provincia di Verona.

        Ho fotografo più di 30 ricette, davvero appetitose e gustose (sì, alcune le ho anche assaggiate 🙂 )

        Servizio fotografico per libero professionista a Brescia

        Ritratti fotografici a Brescia per il lancio del sito della dietista Giada Fierabracci

        La provincia di Brescia rappresenta anche un punto di arrivo dal punto di vista lavorativo. E’ il caso della dottoressa Giada Fierabracci, una dietista nutrizionista arrivata sul lago di Garda dalla Toscana. La sua esigenza era quella di avere un servizio fotografico per una libera professionista come lei: delle foto per il lancio del suo nuovo sito internet e per i suoi canali social.

        Infatti questo servizio per me rappresenta un perfetto esempio di comunicazione per liberi professionisti e piccoli imprenditori che cercano un modo di presentarsi sul web professionale, ma non ingessato e “vecchio stile”.

        Non a caso lo shooting fotografico con Giada è stato proprio come lei e i prodotti che usa per le sue ricette: fresco, divertente e colorato. Se volete vedere il suo sito è online ed è pieno di consigli su una alimentazione consapevole.

        Il tessuto imprenditoriale delle provincie di Brescia, Milano e Bergamo è fatto da una miriade di piccole e medie aziende, magari di impronta ancora familiare. Realtà in cui spesso la comunicazione è l’ultima voce sul bilancio e la prima da tagliare in tempi di crisi.

        Ma i tempi corrono e chi non sta al passo col web rischia di rimanere indietro.

        Le esigenze di comunicazione foto e video per aziende e imprenditori

        Dalla mia esperienza le esigenze fotografiche e video per una azienda o un imprenditore sono varie.

        Si può andare dal restyling del sito web, come nel caso di Giada, alla creazione di contenuti per i social, foto e brevi video, tutorial (Instagram, Youtube, Facebook, Tik Tok..). Molto richiesti sono i ritratti fotografici per il management o un reportage per un evento in occasione di un momento particolare (una festa, un anniversario,  evento lancio di un nuovo prodotto).
        Molto stimolanti sono i servizi fotografici aziendale per progetti più complesso di corporate identity e branding (una comunicazione coerente e professionale, dalla brochure al video istituzionale, al sito dove spesso è coinvolta anche una agenzia di pubblicità)

        Il costo di un servizio fotografico e video per un libero professionista

        Valorizzare un lavoro creativo non è facile, tendenzialmente io quando predispongo un preventivo di spesa valuto il tempo necessario per lo shooting e poi per la post produzione delle immagini e in caso di video della color correction, color grading e montaggio.

        Un costo orario medio può variare dai 50/70 € ora fino  a oltre il doppio a seconda del grado di complessità e creatività richieste.

        Nel caso dello shooting per la dr.ssa Giada abbiamo dedicato circa 3 ore allo shooting, in questo caso senza parte video, più altrettante per la post produzione e color correction. Una parte è stata dedicata per il proofing, ossia l’invio attraverso piattaforme dedicate ad hoc delle selezione delle immagini, per definire poi insieme al cliente quelle da finalizzare e da consegnare in alta risoluzione, con gallery privata protetta da password.

        Oltre ai costi dello shooting/riprese, post produzione e montaggio delle variabili opzionali sono rappresentate da stylist per diversi tipi di outfit e props se richiesti, oppure per una mua (make-up artist), figure professionali sempre presenti quando ci sono foto o video fashion, mentre non sempre vengono ingaggiate in caso di foto per aziende e professionisti.
        In ogni caso il mio ruolo come fotografo è quello di consigliarvi sul migliore outfit per il giorno delle riprese, non abbiate paura a chiedere!

        Contattami per maggiori informazioni:

           

          Questo è il sito della dottoressa Giada Fierabracci, è pieno di consigli su alimentazione consapevole
          www.giadafierabracci.com

          Reportage fotografico in azienda per Sepam Bergamo

          Fotografia aziendale Sepam Bergamo

          Estratto del reportage fotografico svolto presso l’azienda Sepam di Bergamo, produttrice di componenti per alluminio per i principali marchi mondiali del settore automotive. Fotografie per il futuro restyling del sito ad opera della web agency Media Interactive di Brescia (date un’occhiata al sito, hanno una grande esperienza e competenze e oltre tutto il boss è mio fratello 😉 )

          Contattami per maggiori informazioni:

             

            Book fotografico per Giulia – Limen studio

            Book fotografico in studio a Brescia per Giulia, attrice

            Serie di ritratti in studio per un veloce refresh al book fotografico di Giulia, attrice che studia recitazione a Roma

            Contattami per maggiori informazioni:

               

              Una giornata al circo

              Una giornata a fotografare il circo

              Il circo ha sempre esercitato su di me un grande fascino: dai film di Fellini e Charlie Chaplin, al video degli U2 “All I want is you”, il mondo è pieno di riferimenti a questo mondo che lotta per sopravvivere. E allora un plauso a chi ancora oggi segue questa vita faticosa (altro che romantici bohemien) fatta di continui spostamenti, piazze e platee di provincia spesso semi vuote. Non sono i grandi circhi internazionali quelli che mi interessano, ma piuttosto le realtà familiari, piccoli circhi provinciali dove il sudore e la caparbietà si legano ad un rispetto quasi sacro del pubblico.

              Evento con concerto di Alessandro Ristori & The Portofinos

              A dispetto del mio lavoro che mi porta a fotografare numerosi eventi non frequento molto le news riguardanti il mondo dello spettacolo.
              Quando mi hanno detto che durante l’evento che dovevo fotografare a Brescia ci sarebbe stato il concerto di Alessandro Ristori & The Portofinos sono rimasto abbastanza impassibile.
              Non avevo ancora letto che si era esibito praticamente ovunque, pure al matrimonio di Charlotte Casiraghi tanto per citarne qualcuno…
              Poi quando l’ho visto entrare con il suo gruppo ed il suo assistente personale, agghindato in pure look anni ’60 confesso che temevo di trovarmi di fronte all’ennesimo “fenomeno” dei social o di qualche talent televisivo.
              Invece la sua è stata un’esibizione musicale e “teatrale” di altissimo livello, molto sincera e assolutamente coinvolgente, prova ne siuano i litri di sudore versati da Alessandro sul palco. Davvero bravo e di sostanza, capisci che in questo caso personaggio, persona e artista si trovano tutto sulla stessa linea, senza finzioni.

              Contattami per maggiori informazioni:

                 

                Fotografo industriale Brescia per Zincatura Bresciana

                Servizio fotografico industriale a Brescia: Zincatura Bresciana

                Il mondo della fotografia industriale a Brescia mi ha sempre affascinato e rappresenta un ideale contrappunto ai servizi di eventi aziendali e per privati che svolgo soprattutto durante il periodo estivo. Amo vedere i grossi macchinari al lavoro, gli ingranaggi, il rumore e l’odore delle fabbriche, le persone che qui passano buona parte della loro vita.

                Ogni realtà ha una sua cultura aziendale, sia che si tratti della fabbrica a conduzione familiare o della multinazionale gestita da manager: come persona prima ancora che come fotografo è una bella sfida interfacciarsi col committente e/o con l’agenzia di comunicazione e soddisfare le aspettative del cliente, aggiungendo un proprio tocco personale.
                Sarà probabilmente una reminescenza infantile: se guardo mio figlio Davide  rimango sempre sorpreso di come certe attitudini siano assolutamente innate. Basta vedere  quanto lui sia attirato in modo naturale dalla parte meccanica che si nasconde nelle pieghe inaspettate della quotidianità, da una resistenza di un phon, dal meccanismo di sgancio di un obiettivo fotografico…
                Ogni reportage fotografico in azienda rappresenta per me un’opportunità di crescita professionale e anche culturale. Non sapete quante cose ho scoperto grazie a questo fantastico lavoro di fotografo. Dalle varie tipologie della raccolta dei rifiuti, alla tecnologia che sta dietro ad una bricchettatrice per il recupero di materiali di scarto, al procedimento di zincatura.

                Il reportage fotografico aziendale in Zincatura bresciana

                E proprio di quest’ultimo vi volevo parlare:  ho avuto l’onore di poter lavorare per il Gruppo Telefri, e in particolare per il rinnovo delle fotografie aziendali della Zincatura Bresciana e di Eurosilos, leader nella costruzione appunto di silos. Ma di quest’ultima vi parlerò in una prossima occasione… 😉
                Il mio lavoro di fotografo industriale in Zincatura, dove abbiamo potuto fotografare una delle vasche di zincatura più grandi in Europa, l’ho svolto insieme al mio socio fotografo Andrea Gilberti e all’agenzia che ha coordinato tutto il rinnovo dell’immagine coordinata (la ex Borgo Creativo con account sul cliente Samanta Rossini): dal company profile, al restyling del logo, al nuovo sito internet alle diverse brochure.

                Richiedi informazioni e un preventivo gratuito per un servizio fotografico:

                  Ecco alcune delle immagini che ho realizzato in questo reportage aziendale:

                  Un operaio controlla i prodotti
                  La vasca di zincatura, uno delle maggiori in Europa
                  Un pezzo dell’Albero della Vita di Expo2015Milano
                  La vasca di decapaggio

                  Un particolare della vasca
                  Un addetto alla vasca di zincatura, una delle più grandi d’Europa

                  operai al lavoro

                  Il link della Zincatura Bresciana

                  Il link al Gruppo Telefri

                   

                   

                  Fridays for future – crisi climatica

                  Sulle tracce di un progetto fotografico personale: climate change e attivismo giovanile

                  Brescia, ahimé, ha il triste primato di essere una delle città più inquinate d’Italia: il termovalorizzatore, il lascito del Pcb dell’industria Caffaro, l’alta densità industriale e la localizzazione geografica nella Pianura Padana hanno prodotto effetti drammatici sulla salute dei cittadini bresciani.
                  Su scala globale lo stesso mix di scarso interesse per la questione ambientale, una rapace avidità e un crescente scollamento dei valori di solidarietà e di senso civico hanno prodotto il disastro climatico che è ormai sotto gli occhi di tutti.

                  Fin da quando ho cominciato a fotografare mi sono interrogato sul senso del mio scattare. Documentare attimi fuggenti di bellezza e cercare di ricreare per un istante un ordine nel caos, grazie alla mia scelta nel mirino, mi ha sempre gratificato. Anche regalare memorie durature di attimi irripetibili è una parte molto gratificante e pregna di significato.

                  Ma ora tutto questo rischia di non avere più senso.
                  Negli ultimi mesi ho visto documentari come Punto di non ritorno – Before the flood  con Leonardo Di Caprio (da questo momento il mio numero uno a Hollywood) , ho divorato i Ted talks sul climate change, mi sono iscritto alle newsletter di XR Extintion Rebellion e FFF e al The Guardian, ho ascoltato podcast e navigato in decine di siti e web magazine, ho letto tra gli altri i libri di Carola Rackete e di Greta Thunberg
                  Alla fine di questa che sembra una discesa agli inferi mi sono sentito uno stupido: quanto tempo perso e quante cose ancora da imparare. Di colpo ho sentito che se c’era un progetto personale su cui impegnarsi non poteva che essere legato al cambiamento climatico.
                  Per il momento sto mettendo le tessere del puzzle sul tavolo: una serie di ritratti ad attivisti? reportage sulle grosse proteste? Un lavoro provocatorio e che strizzi l’occhio alle gallerie?

                  Ancora non ne ho idea, so però che il tempo non è dalla nostra parte: intanto cerco di seguire questo bellissimo movimento che sono i Fridays for Future. Quando ai miei tempi si facevano gli scioperi al liceo i motivi erano i più assurdi e disparati. In fin dei conti nessuno se ne occupava troppo perchè alla fine si andava in manifestazione per broccolare, magari tirare qualche canna e poi finire in qualche bar del centro a cazzeggiare con una sigaretta tra le dita e il cappotto pesante preso al mercatino dell’usato a Praga durante la gita in II liceo, sentendoti un po’ un esistenzialista francese.
                  Oggi invece veder migliaia di giovani e adolescenti in piazza per il loro e nostro futuro è un’esperienza panica: commovente ed elettrizzante allo stesso tempo. Alla faccia dei millennials e della Generazione Z.

                  Se vuoi dirmi la tua sull’argomento, mandarmi qualche idea o commento scrivimi qui: